HOME
Scopri Sharm El Sheikh
 


INFO NEWS
News e aggiornamenti
 


INFO SINAI-EGITTO
Saperne di più sull'Egitto
 


VerbAqua
La casa editrice VerbAqua
 

 

Sharm El Sheikh 

Località turistica egiziana posta all'estremità meridionale della penisola del Sinai dove il Mar Rosso si divide ad est nel golfo di Aqaba e ad ovest nel golfo di Suez.
La città si presenta come una successione di villaggi turistici e zone residenziali che si sviluppano lungo i 30 km della costa del Sinai tra il parco nazionale di Ras Mohamed a sud e quello di Nabq a nord.
Da diversi anni Sharm El Sheikh ospita importantissime conferenze internazionali.
Essendo una cittadina fondata pochi decenni fa, gli abitanti provengono da altre città dell'Egitto o da altre nazioni del mondo con prevalenza di italiani ed inglesi. Molti di questi lavorano nei settori del turismo ed in particolare in quello della subacquea.
Il 23 luglio 2005, un attentato terroristico ha sconvolto la località turistica con un pesante bilancio di morti e gravose ripercussioni sui flussi turistici della regione.

STORIA di Sharm El Sheikh
- Sharm El Sheikh nella preistoria,
- Storia recente
- Sviluppo turistico del Sud del Sinai

  NOVITA'

 Diario di una traversata atlantica che con un catamarano dalla Francia è arrivata ai Caraibi
Imperdibile per gli amanti dei viaggi.

INFO

 

contatti  Descrizione: E:\InfoSharm Copia\infosharm.com\imm\email.jpg  Descrizione: E:\InfoSharm Copia\infosharm.com\imm\FBpp.jpg


Un romanzo di avventura e di mare perchè l'inaspettato può essere dietro
ogni reef
INFO

 


Quando sott'acqua si incontra uno squalo si possono fare tante cose. Una è ascoltarlo
Una nuova avventura col mare

INFO QUI

 

segui VERBAQUA
su Facebook

 

Dopo tanto ci si può immergere con gli amici, ma c'è qualche cosa non va nel verso giusto tanto che...
INFO QUI

 


La raccolta di racconti che ha sconvolto la subacquea e i subacquei.
Anche quelli CATTIVI.
INFO QUI

 

Descrizione: E:\InfoSharm Copia\infosharm.com\imm\mPS.jpg
Manuale del Primo Soccorso
del Cane e del gatto.
L'EFR degli animali.
Cosa fare quando non c'è il vet
di Marco Benedet
edito da
Cosmopolis

 

 

IL BLOG di Claudio Di Manao
Storie di mare e di immersioni

Un gran bel punto di vista;
il punto di vista di chi sa...

Gi amici di C. Di Manao

 

 

 

InfoSharm è su Facebook,
raggiungici e commenta
le notizie
con gli altri amici di IS
 

 

CLIMA

Protetta a nord dalle montagne del Sinai, Sharm El Sheikh gode tutto l'anno di un clima caldo e secco con temperature medie di 35/45 gradi in estate e 20/25 in inverno con escursioni termiche tra il giorno e la notte di 10/20 gradi. 
La piovosità è quasi totalmente assente, solo occasionalmente sono presenti brevissime piogge se si escludono alcuni temporali che a distanza di anni allagano l'intera zona. 
I mesi più freddi sono gennaio e febbraio.

 

 

SICUREZZA

Non abbiate paura, Sharm El Sheikh è letteralmente piena di poliziotti e militari non perchè sia un posto pericoloso, ma per questioni internazionali e di sicurezza interna.
 
leggi Storia di Sharm El Sheikh
 
Quando vi spostate per la città è facile passare per numerosi chek point della polizia o militare.
Se non siete in infrazione gentilmente vi faranno passare senza controlli particolari. In alcuni casi, come quando si esce dalla città viene controllato il passaporto, i documenti dell'auto e la patente.
La sera i poliziotti pretendono che durante il passaggio vengano spente tutte le luci del vostro mezzo. l'inosservanza potrebbe farvi perdere molto tempo e vi sottoporranno ad un controllo completo dei documenti.
Per i turisti è disponibile la polizia turistica che interviene nel caso che un turista sia coinvolto in qualche problema ma spesso le competenze tra la polizia normale e quella turistica non sono sempre chiare:
A seguito forniamo i numeri telefonici per entrambe gli uffici:

POLIZIA TURISTICA   tel. 0020693660311

POLIZIA    tel. 0020693611900

 

 

 

 

 

Passeggiare per Sharm El Sheikh

Le strade di Sharm sono molto tranquille e non vengono riferiti fenomeni di scippo o di alte aggressioni.
Tenendo conto che ci si trova in un paese musulmano è consigliabile non bere alcolici per strada e lasciarsi ad effusioni troppo evidenti.
Nelle zone come Old Maket e Naama Bay si può essere incessantemente importunati dai negozianti, Di solito un atteggiamento cortese ma deciso riesce a risolvere ogni problema.
Spesso verrete invitati a bere un te (shay), alcune volte è un trucco per farvi avvicinare al negozio ma molto spesso fa parte dell'ospitalità del posto.

SHOPPING 

Quando si tratta di acquisti i turisti che si recano nelle maggiori località del Mar Rosso non hanno che l’imbarazzo della scelta: i tradizionali mercatini ed i moderni centri commerciali sono un vero paradiso per gli amanti dello shopping. 
Per acquisti vantaggiosi preparatevi ad estenuanti trattative poiché spesso i prezzi proposti ai turisti vengono abbondantemente gonfiati.
Solo pochi negozi hanno i prezzi fissi esposti.
Nel Mar Rosso ci sono un infinità di oggetti da ricordo o per fare un regalo che vanno dai tappeti ai piatti di rame cesellati, dalle scatolette di legno intersiate all'abbigliamento. Numerose le gioiellerie ed i negozi di borse.
Rifiutatevi di acquistare qualsiasi souvenir proveniente dal mare. E’ severamente vietato vendere, acquistare ed esportare conchiglie, stelle marine, coralli, pesci palla o qualsiasi altra creatura, viva o inerte.


LE ZONE DI SHARM EL SHEIKH

Naama Bay   

Old Market  

Le altre zone sulla mappa di Sharm El Sheikh

COME VESTIRSI A SHARM

A Sharm El Sheikh fa caldo tutto l'anno quindi è adeguato portare con se un abbigliamento leggero senza dimenticare un cappello, scarpe aperte e la crema solare. Solo nei mesi invernali la sera può essere necessario avere un abbigliamento più pesante.
Nelle strade e nei negozi è bene evitare di girare in costume.
Nelle zone residenziali non è difficile vedere gli uomini egiziani indossare la tipica veste lunga, la galabeya e le donne il velo in testa oppure l'egab che copre tutto il viso.
 
L’Egitto è un paese musulmano ed è richiesto un abbigliamento adeguato; indossare almeno pantaloncini e maglietta quando non si è in spiaggia. 
Il topless è severamente vietato in tutto il Paese.

     

 

 

 

 

 

TRASPORTI

Per spostarsi a Sharm ci sono diverse possibilità.
I taxi sono molto economici e disponibili su tutte le strade e a tutte le ore. Da qualche anno sono dotati di tassametri, ma solo raramente questi sono utilizzati quindi conviene contrattare il prezzo prima di iniziare la corsa.
I minibus detti taf-taf, sono molto economici, ma non sono disponibili in tutte le strade.
I costi delle corse dei minibus tra le varie zone di Sharm come Old market, Naama Bay, Hadaba e Nabq ammontano a poche lire egiziane (da 2 a 5 l.e.)
Per andare ad El Tour, a Dahab, Taba o al Cairo si possono utilizzare gli autobus. Si può scegliere tra diverse compagnie, alcune sono dotate di bus confortevoli, altre meno.
i prezzi sono molto economici, per esempio per andare a Dahab costa poco più di 12 LE, ma spesso l'aria condizionata troppo forte e la musica ad alto volume rendono il viaggio poco piacevole.

Per escursioni più libere è possibile noleggiare un'autovettura o uno scooter. I costi variano dal modello che si intende prendere. Per un auto di media cilindrata si va da 20 a 50 euro al giorno tutto compreso ed esclusione del carburante.
Al momento la benzina a Sharm costa 2,6 LE

Per guidare un mezzo privato in Egitto è necessaria la patente internazionale.

Ricordatevi che in Egitto è obbligatorio l'uso della cintura di sicurezza e del casco per i motociclisti. Le multe elevate per queste inadempienze devono essere pagate subito e anche se sono molto meno salate delle rispettive italiane conviene rispettarle per la vostra sicurezza e per il tempo infinito che il semplice pagamento potrebbe farvi perdere.

Sharm El Sheikh è dotata di un efficiente e nuovo aeroporto internazionale che ha frequenti voli verso il Cairo e altre capitali mondiali.

Nel porto giornalmente un aliscafo mette in comunicazione la città con Hurgada in meno di 4 ore. Al momento tale servizio è sospeso.
 

MANGIARE e BERE

A Sharm El Sheikh è possibile provare cucine di diverso tipo, dall'italiana alla cinese, passando dall'indiana alla libanese. ma non scordatevi di assaggiare le specialità egiziane.
Senza nessun preconcetto e paura, il miglior modo per provare questa interessante cucina è entrare in uno dei tanti ristorantini delle zone meno frequentate dai turisti. Spenderete molto poco ed in cambio potrete gustare tanti tipici piatti che a fronte della loro semplicità come i felafel, full ecc sono molto buoni.

A Sharm l'acqua del rubinetto non è potabile quindi bevete solo l'acqua delle bottiglie che a maggiore garanzia di sanità, a Sharm vengono vendute tutte con una capsula che ne attesta la salubrità. Pretende sempre la sua presenza prima di bere.

A Sharm è difficile o costoso trovare l'acqua gassata, ma in compenso le bibite gassate come la Coca Cola è possibile trovarle in ogni angolo della città. Per curiosità sappiate che la coca Cola in Egitto è leggermente diversa da quella venduta in Italia, provate e trovate le differenze.
 
Gli alcolici sono venduti solo in alcuni ristoranti ma è facili acquistarli separatamente in alcune rivendite autorizzate. prima di introdurli in un ristorante che non le vende chiedete il permesso. In alcuni ristoranti non è concesso introdurre alcolici per motivi religiosi.

 

COSA FARE a Sharm El Sheikh
 
Sharm el Sheikh è una meta importante per la pratica delle attività subacquee per sub di tutto il mondo che posso esplorare i reef più belli al mondo e relitti famosi come il Thistlegorm.
Le acquee del Mar Rosso sono sempre limpide ed hanno piacevoli temperature per tutto l'anno.
Tutti i diving sono attrezzati per immersioni ricreative sia per principianti e sia per subacquei tecnici.
   
Oltre alle immersioni in mare è possibile praticare lo snorkeling, il windsurf e il kitesurfing.

Altre attività praticate nei dintorni di Sharm El Sheikh sono le escursioni nel deserto in quad, con una cammellata (che per l'esattezza viene fatta con dromedari poichè hanno una sola gobba, i cammelli a Sarm non sono mia esistiti), a piedi o in bicicletta.
Particolarmente piacevoli sono le esplorazioni delle oasi limitrofe a Sharm El Sheikh con la possibilità di cenare nel deserto.
Da ogni albergo sono frequentemente organizzate visite a diversi siti come il monastero di Santa Caterina e ai parchi naturali della zona. 

CONCHIGLIE e CORALLI

Quando durante le passeggiate in riva al mare, le immersioni o le snorkelate troverete delle belle conchiglie o dei pezzi di corallo evitate di prenderli.
E' severamente vietato portarli via e per i trasgressori sono previste pesanti sanzioni.
  

 

 

 

DOCUMENTI e VISTI

I cittadini di tutte le nazionalità per entrare in Egitto devono essere in possesso di passaporto; i cittadini italiani, tedeschi, francesi e belgi possono entrare in Egitto anche con la carta di identità. Entrambi i documenti devono avere validità minima 6 mesi dalla data di ingresso nel paese. 
Chi viaggia con carta di identità deve accertarsi che quest’ultima sia valida per l’espatrio e deve avere con sé:
- 2 foto recenti in formato tessera
- 1 fotocopia della carta d’identità.
Si segnala che in caso di carta di identità elettronica il certificato di proroga allegato (estensione della validità) non è riconosciuto valido dalle autorità egiziane.
I cittadini italiani e di altre nazionalità possono ottenere il visto turistico all’arrivo negli aeroporti egiziani; tale visto ha validità di 30 giorni e per una singola entrata nel paese.
La maggior parte degli tour operator provvede tramite il proprio personale all’acquisto del visto. In alternativa si può comprare il visto presso l’aeroporto di arrivo prima di passare il controllo passaporti; il costo varia da 25 a 50 dollari americani in base alla nazionalità.
Per gli italiani è 25 dollari, ma se si richiede il visto "ONLY-SINAI", che permette di restare solo a Sharm e zone limitrofe, non si deve pagare nulla.

I bambini devono essere in possesso del proprio passaporto; in alternativa e solo qualora viaggiassero con uno dei genitori, i bambini possono viaggiare con il passaporto del genitore che li accompagna, nel qual caso non necessitano di visto. 

Quando ci si sposta da una città all'altra del Mar Rosso è necessario avere sempre con sé il passaporto per poterlo mostrare ai numerosi posti di controllo posti all’entrata ed all’uscita dei centri urbani.

Gli italiani che desidereranno restare oltre i 30 giorni del visto turistico si dovranno recare agli uffici amministrativi doganali presenti ad El Tou e a Sharm El Sheik in zona Nabq per richiedere un visto lungo fino ad un anno.
Al momento le norme per i visti di lunga durata sono in evoluzione per la modalità di rilascio e nei tempi di validità quindi non è possibile dare informazioni corrette in merito.

 

 
LE MONETE e LE BANCONOTE EGIZIANE

 

DOGANA

In dogana, in entrata, possono essere fatti dei controlli per escludere l'importazione di oggetti o sostanze vietate in Egitto.
In uscita, possono essere fatti dei controlli ai bagagli poiché in tutto il Mar Rosso è vietato raccogliere e quindi portare via coralli e conchiglie.
Le sanzioni pecuniarie previste per le effrazioni doganali posso essere anche di notevole entità.

 

 

 

 

FOTOGRAFIE e RIPRESE VIDEO

E’ vietato fare fotografie e riprese a tutti quei siti legati alla sicurezza del paese come gli aeroporti, le postazioni militari, le caserme, gli uffici pubblici e i check point.

E' anche vietato fotografare altri siti che purtroppo possono non essere ben identificati tanto che spesso, a meno che non si stia fotografando un tramonto, si può incontrare qualcuno che, più o meno garbatamente, intima a non scattare foto o fare video. In questi casi, se si è sicuri di non avere a che fare con luoghi sensibili, continuate a scattare e se le lamentele continuano chiamate la polizia gli unici a cui potrete chiedere informazioni nei casi dubbi.

Soprattutto nei piccoli centri la popolazione non gradisce essere fotografata. Per educazione si consiglia sempre di chiedere il permesso prima di rivolgere la macchina fotografica o la telecamera verso qualcuno.

Se si desidera fare delle foto ai bambini chiedete, ove possibile, il permesso ai genitori. Come in ogni luogo turistico, evitare di offrire doni e ancor più soldi ai bambini per farsi fotografare. Questo tipo di comportamento è diseducativo e incentiva l'accattonaggio minorile.
Se proprio volete ringraziare un minorenne per essersi prestato a posare per qualche foto date dei soldi ai genitori.

USI e COSTUMI EGIZIANI

L’Egitto è un Paese musulmano: il suo popolo deve, quindi rispettare precise regole di comportamento a cui non sono obbligati i turisti, ma che è sempre utile conoscere.
E’ buona norma, nei luoghi pubblici, indossare vesti o pantaloni lunghi e camicie che coprano le braccia. 
E’ obbligo, soprattutto per le donne, coprirsi braccia, spalle e gambe se si entra in una moschea.
Quando ci si siede per terra, attenti a non mostrare la pianta del piede a chi ci sta davanti: è una grave offesa.
Si consiglia di sedersi a gambe incrociate, o sui talloni (segno di grande rispetto per i beduini).
Quando si scattano fotografie, è meglio evitare di riprendere le persone, perché l’Islam proibisce la riproduzione degli esseri umani.
Non è educato consumare bevande alcoliche per strada perchè il Corano lo proibisce. Da questa norma sono escluse le località turistiche, ma il rispetto è sempre gradito.
Soprattutto durante il Ramadan, è cattiva educazione consumare bibite, cibi e fumare sigarette in pubblico durante il giorno.

 

 

 

MANCE

La mancia in Egitto rappresenta l'obiettivo per molti locali. Non meravigliatevi se in molti casi viene richiesta anche con insistenza. Se non volete sappiate dire un "no" deciso.
E' altresì consuetudine gradita lasciare una mancia se si rimane soddisfatti del servizio. 

COMUNICAZIONI

Tutti i telefoni cellulari italiani (o meglio le loro sim) funzionano in Egitto.
Per telefonare dall’Italia verso l'Egitto si deve comporre il prefisso 0020 (oppure +20) e quindi il numero di cellulare dell’abbonato.
Per telefonare dall’Egitto verso l'Italia si deve comporre lo 0039 (oppure +39) seguito dal prefisso e dal numero telefonico. 
I telefoni cellulari funzionano regolarmente e possono inviare gli sms, ma le tariffe sia per chiamare che per ricevere possono essere elevate.
In molti alberghi sono disponibili collegamenti wifi e numerosi sono gli internet caffe' nella citta.

Per chi desidera avere sempre un collegamento ad internet col il proprio pc o smartphone molte compagnie telefoniche offrono diverse tipologie di tariffe.

 

ELETTRICITA'

La corrente elettrica fornita in Egitto  è a 220 Volts e 50 Hz quindi uguale a quella fornita in Italia. Di conseguenza non sono necessari trasformatori.

Nonostante ciò in molti casi le prese non hanno il foro della messa a terra quindi potrebbero servire degli adattatori.

 

 

 

SALUTE

Ai viaggiatori che arrivano dall’Europa non è richiesta alcuna vaccinazione per entrare in Egitto. 
La maggior parte degli alberghi offrono un servizio medico e all'occorrenza è sono disponibili diverse cliniche. 

In tutta la città ci sono molte farmacie aperte 24 ore e fornite di molti farmaci che si trovano in Europa. 
Spesso i prezzi sono molto convenienti e tranne per alcuni non viene richiesta la prescrizione del medico.
  
In tutti i villaggi sono disponibili o reperibili dottori capaci di affrontare i piccoli problemi. Per le situazioni più gravi è possibile chiamare un ambulanza e farsi visitare o ricoverare presso l'ospedale internazionale di Sharm El Sheikh.
 
Vicino al porto c'è anche una eccellente camera iperbarica che lavora in collaborazione con la DAN.
  
Se si decide di fare un viaggi in Egitto si consiglia di dotarsi di una assicurazione sanitaria poiché tutti i servizi sanitari sono a pagamento.

Precauzioni igienico-sanitarie per chi viaggia in Egitto
• Non esponetevi a lungo ai raggi del sole, coprite il corpo e la testa con gli indumenti. Il clima in Mar Rosso è piacevolmente secco, facendovi sentire a vostro agio anche se esposti al sole. 
• Usate una crema solare ad alto potere filtrante, occhiali da sole e bevete tantissima acqua per evitare la disidratazione, che può indurre a problemi di salute ed è la causa principale di molte patologie enteriche. 

L’acqua corrente non è potabile in Egitto, ma l’acqua in bottiglia ha un prezzo molto abbordabile ed è sicura e disponibile ovunque. 
• Nei mesi invernali la sera fa freddo, ma può far freddo anche di giorno, specialmente se tornate da un bagno o da un’immersione; portate con voi delle felpe e pantaloni lunghi.
• Non camminate mai sulla barriera corallina, non toccate mai i coralli
I coralli non sono pietre ma organismi viventi ed anche tra i coralli in superficie potreste incontrare delle specie estremamente velenose, come il pesce pietra. 

Le camere iperbariche di Dahab, Sharm el Sheikh, El Gouna, Hurghada, Safaga e Marsa Alam sono estremamente competenti e preparate ad ogni tipo di emergenza, anche per emergenze al di fuori delle patologie subacquee.

AMBIENTE

Una buona parte del litorale del Mar Rosso (sopra e sotto l’acqua) è stata dichiarata parco nazionale (parco di Ras Mohammed e parco di Nabq)quindi il deserto ed il mare sono tutelati da una serie di leggi che, se non rispettate, potrebbero portare a multe molto salate. 
 
Regole da osservare in mare 
• E’ vietato toccare qualsiasi materiale, vivo o inerte, al fine di proteggere sia l’ambiente circostante sia la propria immunità; i coralli sono vivi - sono animali e non rocce; accarezzare i pesci è una cattiva idea: il velo che protegge la loro pelle trasmette infezioni e batteri ed è facilmente distrutto dal tocco umano. Altri pesci, se disturbati, potrebbero risultare velenosi o pericolosi. 
• Dalla spiaggia o dal mare è permesso raccogliere solo rifiuti; un corallo morto o una conchiglia vuota potrebbero essere di vitale importanza per l’equilibrio dell'ecosistema. 
• E' vietata qualsiasi forma di pesca. 
• E' proibito camminare sulla barriera corallina (oltre ad essere una cattiva idea: i coralli tagliano!). 

Regole da osservare a terra
• Le mangrovie presenti sul litorale del Mar Rosso (Ras Mohammed, Nabq, El Gouna, Marsa Alam e Wadi Gimal) sono le uniche appartenenti a questa specie che vivono così a nord del globo terrestre. L’equilibrio in cui vivono è estremamente delicato, è quindi vietato toccarle o strapparle. 
• E’ proibito toccare o strappare le piante nel deserto; appartengono ai beduini che sanno esattamente quando tagliarle ed utilizzarle come legna da fuoco ed altri compiti. 
• E’ vietato qualsiasi tipo di caccia.

 

FESTE e RIPOSI SETTIMANALI

L’Egitto è, per tradizione, un paese molto tollerante ed il litorale del Mar Rosso ospita una popolazione composta da individui provenienti da tutto il mondo. I giorni di ferie sono quindi un mix di feste musulmane e cristiane risalenti a molti secoli fa.
Gli uffici governativi seguono esclusivamente le feste ufficiali che sono un miscuglio tra quelle musulmane e quelle cristiano-copte.
Il capodanno occidentale è festeggiato in tutte le città principali del paese e nelle cittadine turistiche del Mar Rosso.
Il Natale cristiano si festeggia in tutte le destinazioni turistiche del Mar Rosso e nella maggior parte degli hotel situati in luoghi turistici. Le feste religiose e le ferie in generale non influiscono molto sui servizi turistici presso hotel, villaggi e siti storici, che di norma funzionano a pieno ritmo. 

Il mese del Ramadan merita una menzione particolare.
Il Ramadan si festeggia nel nono mese del calendario islamico che segue le fasi lunari e cade quindi in date diverse ogni anno. Per i musulmani è uno degli avvenimenti più importanti dell'anno. Questo è un mese dedicato alla purificazione, alla famiglia e agli amici. Per meglio onorare la ricorrenza della rivelazione del Corano, i fedeli non mangiano cibo, non bevono acqua e non fumano dal mattino fino a dopo il tramonto. Il digiuno viene interrotto con molti festeggiamenti al calar del sole quando famiglie, amici e conoscenti si radunano per l’Iftar (colazione) in ristoranti e in case private. Durante questo mese alcuni servizi potrebbero essere ridotti durante il giorno e alcuni negozi potrebbero essere chiusi fin dopo il tramonto. 

Il giorno di chiusura ufficiale di banche, negozi ed uffici è il venerdì e sabato, ma nelle località turistiche quasi tutti i servizi sono aperti sette giorni su sette. Gli orari di apertura e chiusura variano da negozio a negozio, ma la maggior parte dei negozi, servizi e ristoranti rimangono aperti fino a notte inoltrata. 

Cerchi un'informazione, una notizia su Sharm El Sheikh e dintorni,
usa il motore di ricerca interno

Ricerca personalizzata

 

infosharm.com per VerbAqua   Ogni diritto riservato 
   per contatti: redazione@infosharm.com